Investimenti diretti stranieri in Macedonia (Desk Macedonia)

Home/Investimenti diretti stranieri in Macedonia (Desk Macedonia)
Investimenti diretti stranieri in Macedonia (Desk Macedonia) 2017-09-18T10:44:15+00:00

LEXIA Avvocati è stato il primo studio italiano ad aprire nel 2015 un apposito desk in Macedonia per fornire assistenza legale e fiscale alle aziende italiane che intendono investire in questo Paese ed è inserito nell’elenco degli studi legali di riferimento dell’Ambasciata italiana a Skopje.

Il desk è composto da un team di professionisti italiani e macedoni con significativa esperienza nelle operazioni di investimento in Macedonia.

Fin dall’apertura del nostro desk, siamo stati coinvolti nei più importanti investimenti italiani nel Paese, aventi ad oggetto prevalentemente la delocalizzazione in tutto o in parte della produzione in Macedonia oppure l’esternalizzare di processi e servizi nei seguenti settori: automotive, meccanica, tessile, siderurgico, agroalimentare, edile, elettronica, industria leggera e outsourcing di servizi di call center.

Lo Studio fornisce alla propria clientela italiana assistenza legale full service su tutte le questioni legali di diritto italiano e macedone sia nella fase preliminare all’investimento sia in quella successiva inclusa l’assistenza nelle trattative con il Governo e le istituzioni governative.

Lo Studio è in grado di organizzare per la propria clientela incontri di presentazione di progetti di investimento con le principali autorità istituzionali governative e locali, banche e imprese straniere presenti in Macedonia nonché nella ricerca di partner e fornitori esteri e locali.

Alcuni dei principali incentivi per gli investimenti in Macedonia sono i seguenti:

  • vicinanza geografica con l’Italia e posizione strategica tra l’Europa e l’Asia;
  • stabilità politica e indebitamento pubblico tra i più bassi in Europa;
  • tassazione più bassa in Europa (0% nelle zone franche e 10% fuori dalle zone franche soltanto sugli utili distribuiti);
  • costo del lavoro più basso in Europa (molto vicino a quello della Cina) con presenza di manodopera locale altamente qualificata;
  • valuta locale (dinaro macedone) saldamente ancorata all’euro;
  • poca burocrazia attraverso il sistema “one shop stop”;
  • accesso ad un mercato di oltre 600 milioni di persone attraverso numerosi accordi di libero scambio con diverse giurisdizioni, quali, ad esempio, l’Unione Europea, la Turchia, l’Ucraina e i Paesi SEEFTA ed EFTA;
  • garanzie e incentivi governativi per gli investimenti stranieri;
  • disponibilità di stabilimenti industriali dismessi “chiavi in mano”.
  • presenza di tre zone franche posizionate a pochi minuti dai principali aeroporti (1 euro = 61,2 dinari);