Milano, 5 ottobre 2021 – Lexia Avvocati ha assistito Cryptosmart nella costituzione e nell’avvio della propria piattaforma fintech dedicata all’offerta di servizi di compravendita di criptovalute e di portafoglio digitale.

Cryptosmart è il primo exchange di criptovalute tutto italiano (soci, sede della società, legislatura e conto di deposito presso banca italiana) che intende diventare uno dei principali operatori del settore. La società oltre a consentire ai propri utenti di comprare, vendere e depositare criptovalute, sta avviando i servizi di ricezione di pagamenti in criptovalute per aziende con piattaforme e-commerce, il servizio di pagamento in criptovalute per l’acquisto di prodotti e servizi dei più importanti brand, lo staking di criptovalute e ulteriori servizi dedicati alle imprese italiane che intendono utilizzare criptovalute nella propria operatività.

Cryptosmart è stata assistita da Francesco Dagnino, Managing Partner di Lexia Avvocati sede di Milano, e Angelo Messore, Partner responsabile della practice Financial Services dello studio, insieme al senior associate Aurora Agostini e agli associates Filippo Belfatto, Carlo Giuliano e Carlotta Mastria.

Alessandro Ronchi co-fondatore di Cryptosmart ha dichiarato: “A differenza degli altri player del settore, il nostro progetto è al 100% italiano con l’obiettivo di operare in maniera trasparente e nel rispetto delle normative, in grado di rispondere con precisione e semplicità ai quesiti di tutte quelle persone attratte dalle criptovalute come un possibile investimento o utilizzo come forma di pagamento nella vita quotidiana”.

Francesco Dagnino, ha commentato: “Siamo lieti di aver assistito Cryptosmart in questo progetto altamente innovativo, che si inserisce nel solco delle numerose attività di assistenza prestate dallo studio nell’ambito del Fintech e delle cripto-attività.”

Angelo Messore ha aggiunto: “L’assistenza prestata a Cryptosmart consolida ulteriormente la posizione di leadership di Lexia nell’assistenza agli operatori del settore. In un contesto regolamentare ancora in corso di definizione, riscontriamo sempre di più l’esigenza di adottare delle soluzioni legali che si conformano al quadro normativo anche in chiave evolutiva, vista la prossima approvazione della nuova regolamentazione europea in materia di cripto-attività”.